Come pubblicizzare un’azienda o un’attività sul web

Ma come possiamo pubblicizzare, in modo efficace, un’ azienda in questi anni di grandi e repentini cambiamenti? La pubblicità è sempre stata e sempre sarà l’anima del commercio. Qualsiasi azienda, anche quella con scopi più etici e nobili, ha come obiettivo ultimo il profitto e quindi la vendita!

L’avvento di internet e la sua successiva, inarrestabile e capillare diffusione, ha cambiato per sempre la fisionomia della pubblicità e del marketing aziendale.

Anche se le multinazionali continuano ad utilizzare in maggioranza il canale televisivo per comunicare il proprio brand, hanno iniziato ad utilizzare in modo efficace tutti i canali che oggigiorno offre il web, ovvero:

Sito internet con blog aziendale.

Presenza e comunicazione sui principali social network (anche con l’advertising).

Advertising su Google.

Email marketing per i contatti generati (leads).

 

Anche se possiedi una piccola attività (come un negozio o un ristorante) continuare a basare la tua strategia di marketing sul volantinaggio e sull’affissione comunali delle locandine, non farà prosperare la tua azienda, anzi, la condannerà a fallimento certo.

 

Perché la pubblicità tradizionale non funziona più e come puoi pubblicizzare la tua azienda

La pubblicità tradizionale non funziona più perché le persone, oggigiorno, vengono continuamente tempestate di messaggi pubblicitari e hanno quindi sviluppato una naturale barriera a tutto ciò che avvertono come pubblicità promozionale.

 

Perché la pubblicità tradizionale non funziona

Se lavoriamo in una grande città, iniziando la mattina lavorativa, solo per recarci presso il luogo di lavoro, possiamo osservare ovunque le centinaia di cartelli pubblicitari e come minimo ci vengono consegnati manualmente almeno due/tre volanti. Quando ci colleghiamo a internet a malapena riusciamo a scorrere i siti di nostro interesse perché “appesantiti” da decine di fastidiosi banner. Finalmente di sera, a casa, quando possiamo rilassarci veniamo invece disturbati dalla telefonata di un call center che vuole, amichevolmente, proporci “un’imperdibile” offerta per ridurre i costi della nostra bolletta.

La gente tollera di dover visionare qualche minuto di pubblicità in televisione durante la visione di un bel film, ma non tollera di essere interrotta e disturbata continuamente da messaggi pubblicitari che non ha richiesto e, soprattutto, per prodotti e servizi di cui non ha bisogno.

 

Il futuro della pubblicità

E allora come puoi pubblicizzare al meglio la tua azienda e la tua attività? Semplice, evitando il cosiddetto “Interruption marketing”, detto anche outbound marketing, una pubblicità invadente, disturbante, inopportuna e non richiesta. “Interruption marketing” è tutta quella pubblicità che ricerca il cliente in modo forsennato promuovendo prodotti e servizi. L’unica pubblicità che può funzionare oggi, e che sempre di più funzionare in futuro, è una pubblicità utile, una pubblicità di stampo editoriale che mira ad offrire contenuti di qualità per attirare gente potenzialmente interessata a soluzioni. La pubblicità odierna non deve decantare prodotti o servizi, ma mettere al centro di tutto l’utente offrendo soluzioni ai problemi.

 

Come pubblicizzare nel concreto

I millenials, nativi digitale, ovvero i ragazzi appartenenti alle generazioni più giovani (nati dal 1980), passano la maggior parte del loro tempo libero sul web e sono, tra tutte le generazioni, quella più ostile alla pubblicità di stampo tradizionale. I millenials non si fidano delle aziende ma si fidano delle opinioni di altri utenti sul web.

Cosa puoi fare, subito, nel concreto? Innanzitutto creare un sito aziendale vetrina (responsive mi raccomando, perché la maggior parte degli utenti naviga da mobile), creare un blog aziendale e iniziare a parlare di problemi e soluzioni inerenti il tuo settore. Ti faccio l’esempio. Se sei uno psicologo nel tuo blog realizzerai articoli legati a problematiche quali ansia, depressione, attacchi di panico, fornendo non diagnosi (ovviamente), ma spunti agli utenti, per capire le origini del loro problema. Il passo successivo sarà quello di ottenere un contatto dall’utente per trasformalo in potenziale cliente (leads generation – generazione di contatti commerciali). Quando avviene questa trasformazione? Semplice, quando l’utente si fida e reputa il blog autorevole e il professionista esperto in quel campo.

Creare un sito aziendale vetrina

Imprescindibile sarà l’utilizzo dei social network i cui profili aziendali serviranno a divulgare i contenuti del blog e al altri contenuti di qualità per aumentare la cosiddetta “engagement”, ovvero il coinvolgimento degli utenti nei confronti del tuo brand (condivisioni, apprezzamenti e commenti).

Per il 90% delle attività internet è, e rimarrà per lungo tempo, l’unico modo efficace per promuovere la propria azienda.

 

 

 

 

Per qualsiasi richiesta di informazioni non esitare a contattarmi, senza impegno, ovviamente.

 

[supsystic-form id=9]

Leggi l’informativa sulla privacy per l’autorizzazione al trattamento dei tuoi dati personali ai sensi del D.lgs 196 del 30 giugno 2003

Potrebbero interessarti anche:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *